Umana illuminazione

La luce nasce e cresce nel buio, con l'evoluzione interiore si accende.

Un tempo prezioso

Giunga un tempo prezioso da vivere con l'intensità di chi, incrociando la morte, ha compreso la vita.

Non solo un'emergenza sanitaria

Il 'covid 19' non è solo una grave emergenza sanitaria; il 'coranivirus' sta provocando, in molti luoghi del mondo, la privazione dei diritti umani fondamentali (tra questi anche il diritto alla salute).

Le terribili immagini che seguono, scattate nello stato di El Salvador in piena pandemia, sono la conseguenza di un lungo silenzio umano

Le dittature in essere o in procinto di nascere, non devono trovare un 'terreno fertile' in questa difficile situazione sanitaria. Le disumane violenze, siano esse compiute nelle carceri o per le strade, sono frutto di insane ideologie

Sia nostro il coraggio di condannare e contrastare ogni forma di dittatura nel supremo concetto della non-violenza. Ogni privazione del libero arbitrio, in particolare con metodi violenti, va avversata già nella fase embrionale; anche tutto questo è un virus da fermare nella fase iniziale... prima che faccia danni irreparabili al genere umano.

 

Sito "Prohumanity"

La cronistoria del sito "PROHUMANITY MEMORIAL" è stata integrata e rivisitata. Uno strutturato riassunto di tutte le iniziative della storica associazione umanitaria, in particolare le attività svolte 'in prima linea' nei paesi in guerra. Vale la pena darci un'occhiata cliccando sulla pagina web: "Cronistoria"

"Le guerre sono la conseguenza di un lungo silenzio umano.

Per porre fine ai conflitti occorre 'gridare' in ogni tempo e in ogni luogo la parola: Pace"

La Pasqua che non c'è

Oggi non festeggio la Pasqua perché il mio tempo si è fermato a venerdì, giorno della 'Passione'. Farò baldoria quanto il buio notturno della pandemia verrà soppresso dalla luce immensa del mattino... solo allora per me sarà vera Pasqua: giubilo, rinascita, arcobaleno e sorriso.

Oggi e domani voglio creare nel silenzio rispettoso; far si che la mia tavolozza e i miei pennelli diano un senso a questo tempo e lascino sulla tela un ricordo indelebile di questa Pasqua che non c'è.

"Mamma Umanità" devi tornare!

MAMMA UMANITÀ dove sei?

 Non senti le urla strazianti delle moltitudini?  

Non scorgi le fosse comuni ove giace sepolta ogni dignità?

Non cogli la disperazione di chi ha perso la speranza?

 

Capisco che tu abbia avuto il sacrosanto diritto di lasciare questo piccolo ed insignificante mondo per raggiungere altre illuminate dimensioni. Hai ritirato i tuoi eserciti del bene perché vi è sempre un tempo per abbandonare il male a se stesso; hai infine suonato l'ultima tromba prima di partire.

Non abbiamo udito le tue trombe. Non abbiamo colto il dolore che ti ha spinta ad abbandonarci. Non ti abbiamo osservata mentre preparavi le valigie. Non ti abbiamo fermata alla stazione. Non abbiamo visto correre via il tuo treno.

Non abbiamo compreso la nostra pochezza.

Cara "Mamma Umanità" verremo a cercarti e se la 'buona stella' ci permetterà di incrociarti... ebbene in tal caso ti supplicheremo di tornare. Non perché, Gentile Signora, meritiamo la tua immensa "LUCE"... non la meritiamo affatto! Confidiamo solamente nel tuo meraviglioso nome: "UMANITÀ".

_________________________________   

"Mamma Umanità" ritornerà nel momento stesso in cui tutti noi saremo più consapevoli... più responsabili... più umani!.

Sta a noi decidere!

Auguro a tutti Voi una Pasqua serena... a prescindere da tutto.

Resilienza, resilienza, resilienza

In questi giorni ho ricevuto numerose telefonate, e-mail e messaggi; l'umanità mi narra il proprio disagio: alcuni non riescono più a stare isolati nelle proprie dimore, altri manifestano vari tipi di paure, altri ancora temono di non possedere le risorse economiche per resistere a questa terribile pandemia. Ascolto, rassicuro e medito. Comprendo assai bene che la resistenza ha dei limiti; nessun essere umano dovrebbe varcare la linea estrema della sopportazione e della pauraDesidero, in questo povero tempo nostro, fare un 'volitivo appello' alla "Forza Umana" che ciascuno di noi possiede; mi rivolgo in particolare a coloro ai quali manca: la salute, un lavoro stabile, il denaro necessario, l'amore, l'affetto, la compagnia, la comprensione, il sostegno, la serenità...

A tutti i sofferenti dico:

RESILIENZA

RESILIENZA

RESILIENZA 

Esternate tutta la forza interiore che possedete: l'estrema energia che pensavate non vi appartenesse ma che in realtà è parte integrante di voi stessi fin da quando eravate nel grembo di vostra madre; usatela propriamente, nel supremo concetto della non-violenza, per superare questo difficile momento della vostra esistenza.

RESILIENZA

RESILIENZA

RESILIENZA 

La paura e lo smarrimento non abbiano il sopravvento. La vostra pacifica potenza interiore vi porterà indenni fuori dalla pandemia. Non abbandonate la vostra battaglia; siate consapevoli, responsabili e umani. Ne uscirete tutti Vincitori, Eroi e Salvi".

RESILIENZA

RESILIENZA

RESILIENZA

Questo mio appello non è frutto di una fatua presunzione o di un vanesio protagonismo, bensì scaturisce dalla consapevolezza maturata in strutturate e dolorose esperienze esistenziali. Nel mio tormentato percorso di vita ho condiviso, in prima linea, l'estrema sofferenza di crudeli guerre e questa pandemia è una disumana guerra; ho conosciuto l'autentico dolore e tutto questo è un sommo dolore; nel mio cammino ho vissuto le immense rinascite umane e anche questa volta ci sarà una meravigliosa rinascita.

  

"NON È FINITA": https://www.youtube.com/watch?v=atuwm0R5fZY

 

"LA FORZA UMANA DELLA RINASCITA DOPO IL CORONAVIRUS"

SCULTURA POLIMATERICA 

Raccolta di aforismi: speranza, condivisione e consapevolezza

Voglio condividere una piccola parte dei miei scritti pubblicati negli anni passati; sono, ahimè, assai attinenti a questo triste periodo privo di colori; credo umilmente che possano esserci di aiuto... anche per una sola semplice riflessione.

Il ''coranavirus' si placherà... dopo la tempesta ritornerà l'arcobaleno e sarà un tripudio di colori.

Sono con tutti Voi, un abbraccio forte e umano.

Aurelio Blengino.

 

"LE FAVOLE CI RENDONO VIVI"

Voglio credere all'IMMENSO, voglio credere alla LUCE, voglio credere CHE TUTTO ABBIA UN SENSO E UN GIUSTO FINE, voglio credere alle FAVOLE.

Se il mio credere è il sintomo di una conclamata pazzia... ebbene sia! Il solo fatto di crederci mi rende "VIVO".

 

"I COLORI RINASCONO"

Nei meravigliosi colori autunnali intravedo la variopinta primavera che presto ritornerà.

Non ci deve spaurire il temporaneo grigiore dell'inverno, i colori rinascono sempre e appaiono più intensi e luminosi delle stagioni passate.

 

"FACCIAMO FINTA"

Facciamo finta che io possegga un pennello incantato; facciamo finta che io possa ridipingere il mondo su una tela vergine con mille nuovi colori dove il rosso non sia sangue, il grigio non sia nebbia, il nero non sia lutto. Facciamo finta che la mia fantasia artistica diventi realtà. 

 

"IL TEMPO CHE VARCA IL TEMPO"

Vi è un tempo per accomodarsi su una seduta di una 'stazione onirica'; periodo durante il quale si aspetta, si ripercorre mentalmente il proprio passato, si riflette, si medita intensamente, ci si immerge negli abissi del proprio interiore... un tempo lungo, impegnativo e spesso doloroso. Un tempo che va oltre il tempo.

Vi è un tempo per alzarsi dalla seduta. Un tempo per lavarsi, sbarbarsi, profumarsi, rimettersi in forma... per indossare il migliore vestito... per camminare speditamente verso una nuova meta, una nuova vita; un tempo per sorridere nuovamente al prossimo. Un tempo intriso di nuova luce.

Dalla 'stazione onirica' i treni non partono e non arrivano; non esistono i binari. Tutto è avvolto da un inquietante silenzio; le sedute sono al buio e non si scorge alcuna luce dei lampioni... neppure in lontananza. Un luogo necessario per trovare la 'consapevolezza esistenziale' ma dal quale è consigliabile fuggire nel momento stesso in cui il nostro interiore si illumina.

Vi è un tempo per abbandonare la stazione con il dovere imprescindibile di non tornarci mai più!

 

"AMORE INTERIORE"

Offri quello che credi di non avere, capirai di possederlo da sempre.

 

"ANIME UNITE" 

Un'anima non si può scindere; due anime si possono aggregare.

 

"ELEVAZIONE UMANA"

L'uomo non sa volare ma può elevarsi e raggiungere cieli infiniti.

 

"LA FORZA DEL DESIDERIO"

Se desideri fortemente che oggi splenda il sole non potranno le nuvole spegnere questo tuo desiderio. 

 

"TEMERE E SPERARE"

Spesso temiamo una fine, maggiormente temiamo un inizio.

Temere è umano!

Ogni fine ha un successivo inizio, un inizio non sempre ha una fine.

Sperare è umano!

 

"BUIO E LUCE"

Chi ha conosciuto il 'buio completo' sa che un piccolo 'filo di luce' che trapela all'orizzonte è portatore d'immensa gioia.

  

"SENSIBILITÀ INTERIORE "

La sensibilità interiore è una meravigliosa qualità dell'anima, naturale e spontanea; è portatrice di: evoluzione, conoscenza, amore verso il prossimo e a volte -quando 'inciampa' nel dolore- di estrema sofferenza e di perdizione. 

Chi la possiede riconosce il dolore degli altri, partecipa alla gioia dei semplici, gioisce per il sorriso di un bimbo o per il tramonto sul mare. 

Chi ha una vera sensibilità interiore emana una "Luce" visibile anche da coloro che hanno oscurato la propria vita. 

 

"SENZA LIMITI"

Avvera quanto desideri in ogni luogo e in ogni tempo.

  

"SOSTANZA VERA"

L'inconsistenza dell'essere, seppur imbellettata, profumata e ben venduta rimane tale. 

La sostanza dell'essere, seppur nuda o cenciosa e mal venduta rimane tale.

 

"CAMMINO INTERIORE"

Il cammino interiore inizia nel 'buio totale' e termina nella 'LUCE PIENA'.

    

"IO STO CON L'ULTIMO DEGLI ULTIMI"

Chi sta con gli ultimi è già sul podio ma non desidera la medaglia.

Io sto con l'ultimo degli ultimi; io sto con chi è fuggito dalla guerra, dalla carestia, dalla fame, dalla violenza, dalla mancanza di libertà; io sto con il disperato che bivacca alla stazione o sotto il ponte; io sto con chi si è perso e non ritrova il proprio sentiero; io sto con chi ha sbagliato e sta pagando in un luogo privo di dignità umana; io sto con l'invisibile; io sto con il debole; io sto con l'ammalato; io sto con lo sfruttato; io sto con il diverso.

Sto dalla parte sbagliata? Passo la medaglia d'oro a coloro i quali lo pensano.

 

"LA VERA EVOLUZIONE"

L'evoluzione interiore passa attraverso la sofferenza.

 

"TEMPO PREZIOSO"

Il tempo è il bene più prezioso che possediamo durante la vita terrena, sprecarlo o usarlo impropriamente è come rompere una clessidra: i cocci taglienti di vetro, la sabbia colorata versata, il moto interrotto... il vuoto.

 

"IL CAMMINO COLORATO DELLA VITA"

Si è colorati, oppure si è stinti o in bianco e nero; tutto dipende dal nostro cammino interiore: se percorso al sole, in penombra o nella fitta nebbia. Sia sempre il nostro cammino colorato seppur strada facendo il filo spinato ci possa ferire e il fuoco ustionarci... esiste un unguento che tutto lenisce: "I Meravigliosi Colori della Vita".

La rinascita dopo il coronavirus

La consapevolezza che la rinascita sia più forte della fine.

Sarajevo, fratellanza senza confini

La facciata della storica e gloriosa biblioteca di Sarajevo, la Vijecnica, dove oggi ha sede il municipio della capitale bosniaca si è tinta (illuminata) con i colori della bandiera italiana; un gesto di grande solidarietà offerto da un popolo che visse la tragedia di una terribile guerra: conflitto disumano che io condivisi con la popolazione bosniaca in veste di operatore umanitario in prima linea. Vivo è il mio ricordo del compianto direttore della biblioteca, in seguito divenuto il "Sindaco Eroe" di Sarajevo durante l'assedio, infine console della Bosnia in Italia: Muhamed Kresevljakovic; il caro amico politico-diplomatico venne personalmente, nel mese di ottobre del 1995, a consegnare all'associazione umanitaria che presiedo un prestigioso riconoscimento per il lavoro svolto dalla "Prohumanity" nei sanguinosi anni della belligeranza.

La Bosnia ed Erzegovina non ha dimenticato il sostanzioso impegno umanitario non-violento di tutti i coraggiosi volontari italiani durante il conflitto e lo ha dimostrato con i meravigliosi colori della fratellanza senza confini; il popolo bosniaco è consapevole che siamo noi oggi a combattere una guerra impari contro il "Coronavirus".

Alcuni amici mi hanno inviato dai Balcani la foto con la dedica alla "Prohumanity".

Grazie a te Bosnia... spero di rivederti presto!